#CambiaPratoOra #Scuola: cosa è la Buona Scuola a Prato

#CambiaPratoOra #Scuola: cosa è la Buona Scuola a Prato

Sabato 8 novembre, in un nutrito pomeriggio, il Partito Democratico di Prato ha organizzato, insieme al Comune di Prato e al Gruppo Consiliare del PD una discussione partecipata su cinque temi che sono cari alla nostra città, per le buone pratiche che già sono attive, per risolvere problemi e criticità, perché sono le esigenze maggiormente sentite da chi la scuola la vive, a vario titolo, tutti i giorni, per radicare sempre di più la nostra scuola al territorio. Francesca Puglisi, responsabile scuola del Partito Democratico, ha partecipato concludendo i lavori.

La discussione è stata ampia e molto partecipata e ovviamente non si è esaurita nel tempo a disposizione, poiché molti argomenti sono rimasti fuori, pur fornendo un grande contributo al lavoro, anche quotidiano e amministrativo, del mondo della scuola.

Al di là delle singole proposte, di seguito elencate, sotto ai temi proposti per la discussione, quello che è emerso da ogni gruppo di lavoro con forza, senza che i gruppi si fossero precedentemente confrontati è un’idea comune della scuola pubblica a Prato e nei territori della Provincia: “A scuola nessuno escluso”, lavoriamo per includere ciascun bambino, facciamoci carico di ogni difficoltà e diversità, non lasciamo indietro nessuno, curiamoci del successo formativo e scolastico di ognuno, rafforzando la progettazione e l’offerta formativa, attraverso una didattica nuova e stratificata, servendosi di mezzi e strumenti adeguati, in un luogo accogliente, idoneo e sicuro in cui si sta bene e si va volentieri, in cui è assicurato il benessere di tutti coloro che compongono la scuola, studenti, insegnanti, collaboratori, genitori.

La scuola è prima di tutto palestra di cittadinanza e accoglienza, di uguaglianza nelle diversità, il luogo in cui si formano i cittadini di domani e il modello che proponiamo, aperto e inclusivo, in cui c’è una possibilità per ciascuno e nessuno rimane indietro, è lo stesso che pensiamo per la nostra città e il paese. Ma che, per funzionare, ha bisogno, prima di tutto, di strumenti certi e adeguati, di formazione continua, e soprattutto di tornare a essere considerata azione prioritaria e fondamentale di governo del paese.

Ecco le proposte dei tavoli di discussione:

1) A scuola nessuno escluso: politiche per l’integrazione e l’inclusione

2) Long Life Learning: ripensare la didattica e i cicli di studio

3) La scuola digitale e le nuove discipline

4) Orientamento e alternanza scuola-lavoro contro la dispersione scolastica

5) Le vere risorse della Buona Scuola: docenti e studenti, tra valutazione e rappresentanza

 

#cambiapratoOra #scuola: tutte le foto

 

 

#CambiapratoScuola Idee La città che vorrei News