#cambiaprato dalla scuola: più servizi e più manutenzioni, più innovazione per far crescere le giovani generazioni

La città che vorrei Prequel

E’ partito anche il tavolo scuola di #cambiaprato, e come sempre, da questo mondo, che vive ogni giorno coi ragazzi e con la città, sono arrivati spunti concreti e chiari.
Il mondo della scuola (tutto, dirigenti,insegnanti, operatori dei servizi, genitori, personale ATA, studenti) non si ferma al lamento: critica in maniera puntale e netta alcune delle scelte fatte e chiede a gran voce un’azione amministrativa più strutturata, seria, scelte di campo nette.
Insomma che la politica e la futura amministrazione consolidino tutti quei servizi che facilitano la frequenza dei ragazzi a scuola (nidi, servizi di pre-post scuola, mensa, trasporto, buoni libro) e attuino un programma serio di manutenzioni, necessarie al benessere quotidiano a scuola, e di edilizia scolastica (totalmente carente in alcuni plessi nelle sue strutture fondamentali – aule, mensa e palestra), razionalizzando la spesa attuale e spostando anche qualche risorsa dal bilancio, da “vecchie” a “nuove” priorità.
Perché il benessere a scuola dei ragazzi e di tutte le persone che ci lavorano è effetto moltiplicatore del benessere della città e della partecipazione alla vita attiva dei cittadini, oltre a un punto di partenza forte per combattere insuccesso e dispersione scolastica. E il Partito Democratico fonda da sempre la sua azione politica sulla mondo della scuola.

Aurora Castellani, responsabile Scuola della Segreteria PD